close× Call Us: +39 041 5220601

Venezia un luogo da vivere in armonia (clicca qui)

Venezia, si sa, è un piccolo gioiello architettonico, forte soprattutto di uno stile unico che soltanto col passare degli anni, e i patologici mutamenti territoriali tipici di una città di poco sopra il livello del mare, è riuscito ad affinare l’immenso bagaglio storico-culturale in suo possesso, trovando così il riscontro di prestigiosi riconoscimenti anche a carattere internazionale. Inoltre, l’impiego di rimedi più o meno drastici, tesi a risolvere le criticità legate alla superficie instabile della laguna, ha dato l’impulso definitivo per la costruzione, e la conseguente locabilità, di palazzi e appartamenti, a beneficio del dato demografico complessivo.

Il numero di appartamenti a Venezia è piuttosto alto, offrendo così un ampio ventaglio di scelta.

L’urbanistica attuale scinde il comune italiano in centro storico, in cui si concentrano le principali bellezze del luogo, e la parte posta sulla terraferma, che si estende per oltre 130 chilometri, quindi di appartamenti a Venezia non ne mancano di certo! Per chi decide di vivere la realtà veneziana, temporaneamente o in modo definitivo, consci soprattutto della miriade di possibilità legate alla routine, all’intrattenimento ludico e all’approfondimento che soltanto Venezia sa offrire, diventa necessario valutare la disponibilità residenziale, senza alcun timore reverenziale verso le cifre che questa scelta, inevitabilmente, richiede. D’altronde, i sestieri, i calli, le corti, i campi e via discorrendo serbano una vasta gamma di soluzioni, da valutare però con cura, tenendo conto delle variazioni cui sono soggette le maree circostanti.

Come accennato prima, gli appartamenti a Venezia rispecchiano l’architettura veneziana in un felice connubio tra natura e operato dell’uomo; quindi non sorprende che, di fianco ai classici modelli di abitazione, ci siano tipologie di appartamenti invascati o addirittura rialzati, proprio per far fronte al fenomeno delle oscillazioni marittime e fissare così il cosiddetto medio mare, un dato estremamente utile sia per il breve che per il lungo periodo. Un parametro indicativo, e strettamente indispensabile per evitare di andare incontro a brutte sorprese.