close× Call Us: +39 041 5220601
In questa sezione è possibile consultare l’archivio completo degli appartamenti dedicati agli studenti nei vari sestieri della città comprese le isole della Giudecca e del Lido.

Gli appartamenti di questa categoria vengono proposti con contratti annuali, durante l’anno accademico tutti questi appartamenti sono affittati, ma è possibile visionarli e “fermarli” anticipatamente.
Per assicurarsi un immobile per l’anno venturo è necessario visionarlo e successivamente bloccarlo tramite una proposta di locazione sottoscritta e cauzionata. Per maggiori informazioni contattare il numero 041 522 060 1 oppure tramite email all’indirizzo a.cera@venice-cera.it

Tutti i nostri immobili vengono proposti con esclusiva di locazione


Ca’ Foscari

L’Università Ca’ Foscari Venezia fu la prima Scuola Superiore del Commercio istituita in Italia e la seconda Business School europea. Essa venne creata nel 1868, su modello dell’Istituto Superiore del Commercio creato 15 anni prima nella città di Anversa. L’obiettivo principale della Scuola era quello di istruire adeguatamente i commercianti ed i futuri professori di economia delle scuole secondarie. Tra i suoi fondatori si annoverano nomi di particolare spicco, quali gli economisti Luzzatti, Ferrara ed il politico Deodati. Sin dalle origini, i fondatori affiancarono l’insegnamento delle lingue occidentali ed orientali agli insegnamenti puramente economici. Questa scelta rifletteva chiaramente le esigenze di una città di spirito fortemente internazionale come Venezia, da sempre punto di passaggio di molte rotte commerciali.

Nel corso della Grande Guerra la Scuola venne spostata nella città di Pisa.

Poco più tardi, negli anni Trenta, il titolo di direttore della Scuola venne sostituito da quello di rettore e la Scuola diventò ufficialmente un’università pubblica. Anche dal punto di vista architettonico questo decennio fu per l’Università un momento di cambiamento, con la costruzione ad opera dell’architetto Scarpa dell’Aula Magna, ora nominata Aula Baratto.

Negli anni Quaranta, beneficiando del fatto che Venezia non venne colpita dai bombardamenti della seconda guerra mondiale, l’Università Ca’ Foscari poté continuare regolarmente la propria attività.

Dopo l’istituzionalizzazione degli studi di lingue straniere avvenuta negli anni Cinquanta, nel 1962 Ca’ Foscari divenne Università degli Studi. A seguito di questo passaggio, la scelta formativa venne gradualmente ampliata ed è strutturata oggi in una decina di dipartimenti. Per una lista completa dei corsi attivi presso l’Università Ca’ Foscari, si rimanda al sito ufficiale dell’Università.

Ad oggi, l’Università Ca’ Foscari conta circa 20000 studenti, oltre quaranta Corsi di Laurea, più di trenta Master, oltre 10 Corsi di Dottorato, 5 biblioteche con circa un milione di libri e oltre 10000 riviste consultabili dagli studenti. L’Università è particolarmente attiva in campo culturale, con attività che spaziano dall’organizzazione di eventi musicali, teatrali, letterali, cinematografici alle esposizioni artistiche. Studenti e docenti possono inoltre usufruire dei servizi offerti dall’Ateneo in campo sportivo, fra i quali si possono annoverare anche sport particolarmente cari ai veneziani, quali la vela ed il canottaggio.

Le lezioni si tengono in diverse sedi sparse per la città di Venezia e, per alcuni corsi di laurea, nelle sedi distaccate di Mestre e Treviso. Attraverso la consultazione del sito dell’Università è possibile comprendere dove si tengono le lezioni e capire così in che parte della città concentrare la ricerca dell’appartamento per studenti in affitto a Venezia.

L’Università IUAV di Venezia

L’Università IUAV di Venezia è stata fondata nel 1926 ad opera dell’allora presidente dell’Accademia delle Belle Arti Giovanni Bordiga. Nata come Istituto Universitario di Architettura di Venezia, fu la seconda Scuola di questo tipo in Italia.

Diventata Università IUAV di Venezia nel 2001, vanta oggi numerosi corsi di laurea, master, dottorati e corsi di specializzazione nei campi dell’architettura, del design, delle arti visive, del teatro, della moda, dell’urbanistica e della pianificazione territoriale. Per maggiori dettagli sull’offerta formativa dello IUAV, visita il sito ufficiale dell’Università.

Con le sue sette biblioteche specializzate, lo IUAV si pone come punto di riferimento nazionale nei settori dell’urbanistica e dell’architettura. È inoltre da sempre un punto di incontro importante per tutti gli specialisti in questi settori ed uno spazio particolarmente attivo dal punto di vista culturale. Tra i nomi che hanno orbitato intorno a quest’Università veneziana, possiamo ricordare: gli architetti Le Corbusier, Carlo Scarpa, Bernard Lassus, Philip Johnson, gli artisti Richard Serra, Joseph Kosuth, Bruce Nauman, i designer Michele De Lucchi e Aldo Cibic. L’Università ha anche intrattenuto nel corso degli anni collaborazioni importanti che l’hanno portata a connettersi sia ad altre istituzioni italiane (come la Biennale di Venezia, diversi teatri italiani e la Triennale di Torino) sia ad enti internazionali, fra i quali ricordiamo l’UNESCO, il MIT di Boston e la New York University.

Come per l’altra Università della città, ovvero l’Università Ca’ Foscari, le sedi delle lezioni si trovano in diversi punti della città, oltre che, per taluni corsi, nelle città di Mestre e Treviso. Questo aspetto rende senza dubbio l’esperienza universitaria particolarmente stimolante, dal momento che permette di far vivere e conoscere Venezia a chiunque si iscriva a quest’Ateneo, ma sarà una variabile da tenere in considerazione da parte di qualsiasi studente che cercasse un appartamento da prendere in affitto durante l’anno accademico.

Sport per universitari a Venezia

Per qualsiasi studente, si sa, l’Università comporta un po’ di stress, specie durante le sessioni di esami. Perché non scaricarlo con un po’ di sana attività fisica, invece di stare rinchiusi nel proprio appartamento per studenti in affitto?

Per coloro ai quali non basta percorrere in lungo ed in largo i numerosi ponti della città (più di 400), il Centro Universitario Sportivo o CUS di Venezia offre una vasta gamma di diverse attività sportive, praticabili in diversi centri della città. Il CUS Venezia opera sin dal 1949 e gestisce i molteplici impianti sportivi appartenenti all’Università Ca’ Foscari, dai campi all’aperto alle palestre, fino agli uffici e alla sala medica. Gli utenti (intorno ai tre mila ogni anno) possono svolgere varie attività sportive sia a livello dilettantistico che agonistico. Per visionare la lista completa delle attività offerta dal CUS di Venezia ed avere le prime informazioni sul come iscriversi, si rimanda al sito del CUS.

Gli sportivi possono anche visitare la sezione del sito del Comune di Venezia che elenca gli impianti e le palestre gestite a livello comunale, per prendere visione dei numerosi impianti sportivi della città.

Per coloro che amano le attività all’area aperta, invece, ricordiamo che, a poca distanza dalla città di Venezia, si trova il diciannovesimo parco più grande del mondo, ovvero il parco di San Giuliano. Il parco è facilmente raggiungibile dal centro della città di Venezia, con frequenti e comodi collegamenti pubblici ogni 5-10 minuti. In aggiunta, non possiamo dimenticarci che Venezia è una città di mare e ci sono numerosi centri che offrono corsi di voga, vela, canottaggio, sub,. Per una prima visione, si possono visitare, ad esempio, il sito della Canottieri di Mestre e della Bucintoro.

Per coloro ai quali, invece, piace partecipare alle manifestazioni sportive e faticare in compagnia, ricordiamo che la città di Venezia è molto attiva nell’organizzare eventi di questo tipo, citando, a titolo puramente esemplificativo: la Venice Marathon, la Su e Zo Per I Ponti, gli orienteering notturni, le nordic walking e le numerose regate organizzate ogni anno nella laguna.

Svago per studenti a Venezia

Per coloro che scelgono di intraprendere un percorso di studi a Venezia i momenti e le occasioni di svago dallo studio davvero non mancano. I locali (tra i quali i tipici bacari e le tradizionali osterie) sono davvero numerosi e si trovano in tutte le parti della città. Gli studenti universitari privilegiano la zona di Campo Santa Margherita, dove tra qualche spritz (il tipico aperitivo veneziano) e qualche cicheto (olive ascolane, polpette, crostini con il baccalà Mantecato, sarde in saor e folpetti e molti altri), passano un po’ di tempo in compagnia prima di rientrare nei propri appartamenti presi in affitto. Un’altra zona molto apprezzata da chi studia in città è quella nelle vicinanze della Calle dei Preti, nei pressi della Chiesa di San Pantalon nonché quella della Fondamenta degli Ormesini e della Fondamenta della Misericordia, nota per l’atmosfera leggermente “bohémienne”. Per chi apprezza invece un ambiente più alla moda, l’area da frequentare è senza dubbio quella di Rialto.

Oltre ai locali, Venezia offre molti altri spazi di svago e divertimento. Dai cinema (Giorgione, Rossini nel centro storico), ai teatri (Goldoni, Fenice e Malibran sono solo i più celebri), ai numerosissimi musei e le molteplici chiese, questa città non cesserà mai di stupire coloro che sceglieranno una delle sue università. Senza dimenticare che essa rappresenta un museo a cielo aperto già di per sé stessa.

Per non annoiarsi durante l’anno accademico, inoltre, gli studenti potranno prendere parte alle numerose feste veneziane, come il Carnevale, la festa del santo patrono (San Marco, il 25 aprile), la Festa della Sensa, la Vogalonga (in maggio), il Redentore (in luglio), le numerose sagre che si tengono nei campi durante l’estate, la Mostra Internazionale del Cinema (fine estate), la Regata Storica (in settembre), la Madonna della Salute (novembre).

I più curiosi, in aggiunta, potranno sempre partecipare ai tour guidati organizzati dalle associazioni. Questi eventi non sono estremamente pubblicizzati ed il più efficace canale di informazione è senza dubbio quello dei social (Facebook e Twitter in primis). In queste occasioni, in modo totalmente gratuito o donando una modica cifra che poi sarà devoluta all’associazione, si potranno conoscere aspetti meno turistici della città, come ad esempio il Lazzareto e l’Oasi WWF Dune Alberoni.